Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Buoni acquisto: cosa sono e perché implementarli nel welfare

Scopri perché scegliere i buoni acquisto: sono un valido strumento per il welfare aziendale e garantiscono vantaggi fiscali alle aziende.
Buoni acquisto - welfare

I buoni acquisto, o buoni regalo, sono strumenti sempre più utilizzati dalle imprese, con lo scopo di implementare il pacchetto dei benefit aziendali. Sono infatti la soluzione ideale per incentivare, fidelizzare, motivare e premiare dipendenti e collaboratori.

Infatti, i buoni acquisto offrono un sostegno concreto al reddito, rispondendo a bisogni primari e permettendo di procedere all’acquisto di beni e servizi.

I buoni acquisto sono un valido strumento per gratificare e premiare i lavoratori, facendo accrescere in loro il senso di appartenenza e riconoscimento che si trasforma in maggiore lealtà all’azienda e migliore produttività.

Vediamo in dettaglio perché scegliere i buoni acquisto e implementarli nella strategia di welfare aziendale, i vantaggi fiscali che permettono di abbattere i costi e le occasioni in cui donarli a dipendenti e collaboratori.

Cosa sono i buoni acquisto

I buoni acquisto, chiamati anche buoni spesa o buoni regalo, sono titoli dal valore predeterminato che danno diritto all’acquisto di prodotti o all’utilizzo di servizi presso esercizi commerciali convenzionati.

I buoni, cartacei o elettronici, possono avere cifre variabili poiché possono essere personalizzati sul singolo lavoratore. 

Sono generalmente nominali (con nome e cognome del destinatario) e riportano anche la data di emissione e l’importo.

Questo benefit è un’ottima soluzione come regalo aziendale, poiché aumenta la qualità della vita del dipendente o collaboratore e anche il potere di acquisto delle famiglie.

Qual è la differenza con i buoni pasto

I buoni acquisto si differenziano dai buoni pasto.

Questi ultimi, infatti, vengono usati per sostenere le spese del pranzo, oppure, in via residuale, possono essere usati per acquistare prodotti alimentari nei supermercati e in numerosi altri esercizi, inclusi pizzerie, negozi biologici, pasticcerie.

I buoni acquisto, invece, possono essere usati anche per acquistare diverse tipologie di merci, come vestiti, dispositivi tecnologici, libri e altro.

Perché scegliere i buoni acquisto e implementarli nel welfare aziendale

I buoni acquisto rappresentano la soluzione ideale per aziende e imprenditori che desiderano potenziare la motivazione e le performance dei lavoratori.

Attraverso i buoni acquisti le imprese hanno la possibilità di soddisfare le esigenze di dipendenti e collaboratori con una soluzione versatile e pratica.

Infatti i buoni possono essere usati con la massima libertà di scelta e flessibilità, lasciando scegliere al lavoratore come e per quali beni/servizi utilizzarli.

Lavoratori sereni e soddisfatti sono più motivati a svolgere le loro mansioni e a essere più produttivi. Usare i buoni acquisto per garantire loro la possibilità di acquistare beni e servizi rientra nelle strategie di welfare aziendale, pensate per:

  • Migliorare il benessere;
  • Incrementare la produttività;
  • Migliorare il clima aziendale;
  • Porre le basi per collaborazioni durature e proficue.

Definire un piano di welfare significa analizzare i benefit e i servizi più adatti attraverso una strategia mirata, che deve poi essere implementata e monitorata, valutando i vantaggi ottenuti e studiando nuove opportunità.

Inoltre per l’implementazione dei buoni acquisto le aziende beneficiano di importanti defiscalizzazioni; per i dipendenti e i collaboratori i buoni sono esenti da contributi fiscali e previdenziali.

Gestisci il welfare in azienda: ti aiutano i Consulenti del Lavoro!

Il Consulente del Lavoro aiuta a gestire le tue risorse umane.

Ti aiuta anche a delineare piani di welfare efficaci che migliorano il benessere e la produttività dei lavoratori e che riducono assenteismo, turn-over e costo del lavoro.

I vantaggi fiscali dei buoni acquisto

I buoni acquisto o regalo garantiscono importanti vantaggi fiscali alle aziende. Imprese e imprenditori, infatti, possono abbattere i costi poiché possono beneficiare della defiscalizzazione prevista dalle normative.

I buoni acquisto possono essere erogati ai dipendenti fino a 258,23 euro. Fino a questa somma sono esenti da contribuzione fiscali e previdenziali come previsto dal comma 3 dell’articolo 51 del TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi).

Il limite di € 258.33, solo per l’anno 2022, è stato aumentato a € 600,00.

La deduzione fiscale è totale per l’azienda, ai sensi dell’art. 95 del DPR n. 917/86, in quanto rappresentano spese connesse al lavoro dipendente. 

Quando donare buoni acquisto a dipendenti e collaboratori

I buoni acquisto possono essere un’idea regalo originale per dipendenti e collaboratori.

Regali come cesti natalizi, bottiglie di vino, gadget tecnologici, cofanetti regalo sono idee belle ma spesso vengono acquistate in gran numero e dunque potrebbero non piacere a qualche dipendente/collaboratore.

Il buono acquisto, invece, è un regalo personalizzato e offre a chi lo riceve ampia libertà di scelta in merito a cosa acquistare, perciò permette di soddisfare ogni gusto ed esigenza.

Puoi donare i buoni acquisto in varie occasioni:

  • Come regalo aziendale a Natale;
  • Per il compleanno del dipendente o collaboratore;
  • Per celebrare un anniversario o un traguardo importante per l’azienda come i vent’anni di attività o l’apertura di una sede all’estero;
  • Come premio per il raggiungimento di determinati obiettivi aziendali.

Definisci un piano di welfare aziendale con la nostra consulenza

Ci occupiamo della progettazione dei piani di welfare aziendale analizzando i bisogni dei tuoi dipendenti e individuando i benefit da introdurre.

Offriamo un servizio preciso, attento alle normative vigenti, personalizzato sulle tue esigenze aziendali.

In questo articolo
Potrebbe interessarti anche